Elaborati Scuole Superiori

Stiavelli Maria Chiara (Pescia, PT) - COPPIA CHE VINCE NON SI CAMBIA

 

La signora Natura e il signor Tempo sono ormai compagni da…una VITA?! Oh no, da molto molto di più! Per un essere umano è illogico pensare che una vita possa durare più di un secolo, infatti vista l’indiscussa superiorità della sua SPECIE, è ovvio che ogni riferimento temporale si rifà a lui. Eppure l’ordine di misura più corretto da usare in situazioni come questa è quello del miliardo di anni. Impensabile. Ad ogni modo è proprio grazie all’unione felice di Natura e Tempo che la vita terrestre non solo ha avuto ORIGINE e ma è riuscita ad evolversi, ha trovato il coraggio di cambiare. La pazienza del Tempo ha permesso alla spumeggiante compagna di agire all’interno dell’AMBIENTE in modo discreto e sistematico: mai sentito parlare di SELEZIONE NATURALE? C’è da dire, a onor del vero, che esiste un’altra collaborazione fondamentale: quella del Tempo e della signorina Casualità; nonostante la Signora ne sia gelosa è costretta ad ammettere che effettivamente la casualità può creare ottimi prodotti: di fatto sono errori che, tuttavia, grazie alla grande variabilitàche comportano determinando DIVERSITA’ e VARIETA’, possono risultare vincenti negli organismi in cui avvengono. È difficile per la mente umana concepire come certe volte l’errore possa superare la perfezione, eppure è un dato di fatto: si chiamano mutazioni favorevoli e sono a carico del DNA. Paragonando il codice genetico a un testo tradotto potremmo associare le mutazioni a piccole licenze poetiche adottate dal traduttore: è vero che non sono fedeli al testo in lingua madre ma nell’ambito della traduzione potrebbero aiutare il lettore a capirne meglio il significato. Quando all’interno di una POPOLAZIONE un individuo subisce casualmente un cambiamento dell’assetto genetico che gli permette di sopravvivere e di riprodursi maggiormente nell’ambiente in cui si trova, la selezione agisce positivamente su di esso e con il procedere del tempo questo porterà all’aumento degli individui con quel determinato carattere. Come ogni coppia che si rispetti, anche la Signora Natura e il Signor Tempo hanno iniziato, in certe situazioni, a rivendicare una certa autonomia: ecco che si spiegano i fenomeni in cui il processo evolutivo avviene non solo artificialmente ma in tempi brevissimi; c’è da dire che in questi casi l’uomo non ha tenuto a mente il detto “tra moglie e marito non mettere il dito” o meglio…il pollice opponibile. L’opponibilità del pollice, croce e delizia umana. Fu una grandissima conquista evolutiva: permise alle mani di plasmare, creare, raccogliere e stringere; le stesse mani che oggi distruggono, dominano, manipolano e annullano. Natura e Tempo sono una coppia prolifica e da bravi genitori desiderano il meglio per le proprie creature, è facile intuire che gli organismi viventi siano tra loro tutti fratelli, ma l’uomo si sente realmente tale?
 
Maria Chiara Stiavelli 
18 anni
Classe V°A (liceo scientifico)  
Istituto Magistrale Statale “Carlo Lorenzini” - Pescia   (PT)
INSEGNANTE (materie letterarie): Luana Rosellini
INSEGNANTE (materie scientifiche): Manuela Pellegrini