Elaborati Scuole Superiori

Stevanello Davide (Santa Margherita D’Adige, PD) - IPOTESI SU ULTERIORI EVOLUZIONI DELLA SPECIE UMANA

 

Benché abbia sconvolto tutto il secondo Ottocento, la TEORIA sull’evoluzionismo di Charles Darwin è oggi universalmente riconosciuta ed è applicata senza riserve anche all’essere umano. È noto che da migliaia di anni, l’uomo ha, per così dire, congelato la propria EVOLUZIONE. Infatti, mentre il normale processo evolutivo adatta e MODIFICA gli esseri viventi in base all’AMBIENTE, nel caso della specie umana, l’uomo ha imparato a modificare le condizioni esterne, adattandole alle proprie esigenze. Ma se l’ambiente esterno ha, almeno temporaneamente, terminato il suo ruolo in questo campo, altri possono essere i fattori coinvolti. In molti hanno formulato varie ipotesi in questo senso, più o meno estreme o fantasiose. Per ESEMPIO, H. G. Wells immagina che la Rivoluzione Industriale, che impera ai suoi tempi, porterà, fra circa 800.000 anni a una divisione della RAZZA umana in due SPECIE distinte: gli Eloi, belli, piccoli, delicati, privi di forza fisica come di intelletto, e i Morlock, brutti, simili a lemuri, fuggono la luce e, discendenti di operai e proletari, continuano meccanicamente a tenere in moto complessi macchinari. È interessante notare che la mancanza di intelletto dei primi si deve a una completa risoluzione di tutti i problemi che oggi affliggono il nostro mondo. Dalla necessità scaturisce l’intelletto. Ma è proprio la necessità che spinge i Morlock a nutrirsi degli Eloi. Questa è, secondo Wells, la decadenza dell’umanità.
Altri futuri possibili, anche se ora non potrò essere specifico, si devono a cataclismi o a conseguenze di fenomeni già oggi esistenti come l’Effetto Serra, o ancora a guerre atomiche, le cui radiazioni darebbero ORIGINE a modificazioni anomale del DNA o a malattie EREDITARIE.
Al contrario, vi sono anche futuri positivi in cui l’evoluzione è perlopiù o esclusivamente mentale ed è testimoniata dalla pacifica risoluzione di ogni problema di qualunque natura.
Ovviamente si sta parlando di utopie, ma è interessante notare cosa l’essere umano abbia ipotizzato sul proprio futuro.
 
 
Davide Stevanello - Santa Margherita D’Adige (PD)
14 anni
Classe 1^B LICEO SCIENTIFICO 
ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "JACOPO DA MONTAGNANA" - MONTAGNANA (PD)
INSEGNANTE: Maria Ippolito