Elaborati Scuole Superiori

Cangioli Marco (Prato) - 200 ANNI DALLA NASCITA DI DARWIN

 

La SPECIE  umana sembra regredire nei comportamenti all’interno del branco
Funeste lotte in città fra gli automobilisti stressati
 
Darwin aveva studiato e dato una spiegazione all’EVOLUZIONE della SPECIE, ma al giorno d’oggi tale TEORIA sembra essere smentita da alcuni comportamenti regressivi delle persone che vivono nelle città di tutto il mondo. Questa tendenza alla “desocializzazione” è particolarmente spiccata negli automobilisti stressati da code chilometriche e traffico congestionato.
 Potremmo, con un banale ESEMPIO ironico, paragonarci a dei felini schivi e solitari in COMPETIZIONE per un pezzo di carne nel bel mezzo della savana. Nel nostro caso cittadino l’AMBIENTE tropicale si trasforma in cemento e catrame e le strade diventano il territorio di caccia. I nostri nemici sono tutti gli altri automobilisti e i divieti di sosta. La preda? Il parcheggio.
 Il guidatore alla ricerca dell’ormai raro bottino si aggira a velocità moderata e con occhio vigile ai bordi della carreggiata per localizzare l’obiettivo, mentre viene infamato dai suoi simili per la condotta troppo lenta.
 A seguito della decadenza dei “nobili” comportamenti umani in un “menefreghismo” fuori dal comune, c’è stato un PROGRESSO di alcuni individui costretti ad aggirarsi nell’intricata giungla urbana. Gli evoluti del caso sono i motociclisti, più propriamente gli scooteristi: persone di tutte le età che amano per scelta o per vocazione le due ruote e che detestano trascorrere ore in fila per raggiungere l’ufficio.
 Tutti gli scooteristi sono un po’ pazzi per natura: i più giovani vogliono emulare i loro idoli delle due ruote da pista; i più grandi tirano fuori il bambino che è in loro. Così nell’ambiente contaminato dall’uomo per eccellenza, comunemente noto come città, si può assistere a veri e propri slalom che gli scooteristi effettuano fra le macchine, incolonnate all’attesa del verde. Gli evoluti utenti della strada si danno battaglia fra di loro per accaparrarsi un’ipotetica pole position al semaforo rosso. Ed è proprio quando questa luce color del fuoco si spegne che questi diavoletti danno il meglio di loro stessi: accelerazioni da far invidia alla Luce per imporre la propria egemonia sul branco.
 Come in ogni processo evolutivo la SELEZIONE ha compiuto il suo corso e ci sono alcune SPECIE in via di ESTINZIONE. Nel caso urbano sono i pedoni e i ciclisti. Oggigiorno molte persone non sanno neanche dove stia di casa il buon senso e spesso vige la regola “il più forte regna”. Ovviamente fra un’automobile e una bicicletta non c’è dubbio su chi sia il più possente! Così, anche se vengono costruite piste ciclabili e istituite aree pedonali, i mezzi a motore fanno da padroni e chi si muove in modo ecologico rischia di abbandonare il suo stile di vita o la vita stessa per i troppi rischi che corre spostandosi in città.
 In città, come in tutti gli altri AMBIENTI, si sta verificando un ADATTAMENTO della SPECIE al frenetico ritmo della vita moderna e allo stress che questo provoca. E così, come le giraffe si sono evolute allungando il collo per brucare le foglie più fresche sulle punte degli alberi, anche l’uomo farà qualche metamorfosi; ad ESEMPIO gli cresceranno speciali mucose nel naso per filtrare lo smog e trasformarlo in una gradevole essenza alla lavanda. E se non ci penserà la natura, provvederà la medicina!
 
 
Marco Cangioli
15 anni
Classe: 2^H
Scuola: ITIS Tullio Buzzi  - Prato
INSEGNANTE (materie letterarie): Elisabetta Tortelli
INSEGNANTE (materie scientifiche): Cristina Puzio