Elaborati Scuole Medie

Recupero Roberta (Messina) - TESTIMONIANZA D’AMORE PER LA TERRA

 

Vivere su un’ISOLA potrebbe costituire una limitazione; non sempre è possibile un agevole collegamento con la terraferma.
Ma chi è davvero figlio della sua terra e ne manifesta un NATURALE attaccamento, chi prova un costante bisogno di aggrapparsi all’AMBIENTE che lo ha cullato, nutrito, curato dalle ferite della VITA, può allora affermare di non essere un INDIVIDUO né solo, né isolato.
Non sempre è la POPOLAZIONE che ti lega ad un luogo, le amicizie con i simili che ti scaldano il cuore.
Può capitare che tu avverta una somiglianza più autentica con la tua terra piuttosto che con la tua razza.
E quando questo amore sacro scorre nelle tue vene, non puoi non riconoscerne gli effetti.
Ti senti forte, pieno di RISORSE; la tua non è SOPRAVVIVENZA né adattamento ma vita, inno d’amore per chi ti ha sfamato col suo CIBO, insegnato la tenerezza con i suoi ANIMALI, rallegrato con le sue varietà di vegetali.
Come posso io non amarla, non rispettarla, non sentire che sono parte della Terra ed essa è parte di me?
… Ogni parte di questa terra è sacra per il mio popolo.
Ogni ago lucente di pino, ogni riva sabbiosa, ogni lembo di bruma dei boschi ambrosi, ogni radura e ogni ronzio di insetti è sacro nel ricordo e nell’esperienza del mio popolo…
Noi siamo parte della Terra ed essa è parte di noi. I fiori profumati sono nostri fratelli; il cervo, il cavallo, la grande aquila sono nostri fratelli; le creste rocciose, il verde dei prati, il calore del pony e l’uomo appartengono tutti alla stessa famiglia …
Insegnate ai vostri figli quello che noi abbiamo insegnato ai nostri:che la Terra è la madre di tutti noi… e se gli uomini sputano sulla Terra, sputano su se stessi…
                                                                                                  Capo Indiano Seattle, della tribù Suvamish
 
Roberta Recupero
Classe II A
Scuola Secondaria di Primo Grado – Istituto Comprensivo di Torregrotta – Messina
INSEGNANTE (materie letterarie): Anna Fareri